Il giro di volta

Mi è capitato di capovolgere la mia lista delle priorità, ultimamente.
Mi è capitato di rimandare, di non ascoltarmi, di pensare che il tempo per me poteva venire dopo.
Mi è capitato di arrivare a fine giornata e non vederlo, quel "dopo."

Uno dei primi segnali da cui capisco che non sto dedicando abbastanza tempo alla mia pratica è il respiro. Diventa corto, compresso. Fino a che mi sembra che tutto vada troppo veloce e inizio a preoccuparmi per cose che in un altro momento non avrei preso con tanta apprensione.

Una delle cose che ho imparato su di me in questi anni di pratica è che in certi casi l'istinto è la migliore guida.
Sedermi, fare spazio nella testa, convincermi a distrarmi (nonostante le feste da preparare, i regali da finire di cucire e sferruzzare, i bimbi con cui giocare, le cene da organizzare e il sole da godermi un po', ogni giorno) e poi iniziare a praticare, con fiducia.

Per poi scoprire che mi ero fatta assorbire  dal flusso delle cose. Che ero soddisfatta dei giorni trascorsi, ma che mancava solo un piccolo dettaglio: respirarli.
Il mio giro di volta è stato questo, una bella torsione per riprendermi lo spazio in cui respirare e tre posizioni ripetute in sequenza per un po', per sentire che tutto quello che mi ha distratta e impegnata è stato così profondamente mio, voluto e sentito.
Il mio giro di volta è stato sentirmi padrona e fiera delle mie stanchezze, per un volta.

La torsione:



e la piccola sequenza, per inspirare ad ogni allungamento verso destra e sinistra ed espirare al centro, rilassando testa e braccia.






Il tempo della crisalide è il cammino, l'ascolto, l'intuizione, la scoperta.
Inspiro. Espiro. 
Partiamo?
Torniamo all'origine, vera, semplice, completa.
Inspiro.
Espiro.
Partiamo.

8 commenti:

  1. Brava e bella!!!
    Sono contenta di averti scoperta.
    Ti abbraccio forte
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Forse ti ho già scritto di quanto mi senta viva nelle torsioni?
    Al respiro sto attenta anche io e se è corto mi ritaglio un momento per allungarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le torsioni fanno lo stesso effetto a anche a me. a volte sono proprio salvifiche!

      Elimina
  3. ..Che bisogno di torsioni! e di dare una svolta!!! Ormai il mio yoga è quello fatto con la baby che mi salta sulla testa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero? raccontami di più, quando riesci!

      Elimina
    2. Eh diciamo che mi sfugge sempre di mettermi a fare yoga "per me" quando potrei, mentre ormai nella cameretta della piccola il tappetino di yoga DEVE essere sempre steso, lei non vuole assolutamente che io lo metta a posto, e quando facciamo yoga ora anche lei fa qualche esercizio, alza le braccia, si sdraia, poi ovviamente mi salta addosso quando sono prona e ci divertiamo tantissimo. ho anche preso il "tuo" libro di didi ananda... ma non l'ho ancora affrontato realmente. In compenso, lei ha imparato a dire "chakra" quando vede il poster dei chakra, vuole che noi le ripetiamo tutti nomi e tenta di dirli anche lei :)))

      Elimina